Categorie
la coscienza di paolo

Dedicarsi Tempo, va tutto bene!

Ho iniziato a creare cartoline a tema “Il Tempo”. Cartoline che verranno spedite con busta e francobollo, pronte per essere scritte e a sua volta spedite. L’idea è proprio quella di non procrastinare un gesto importante.

Puoi scrivere una cartolina a qualcuno, o a te stesso, parlando, raccontando, immaginando per trasmettere a chi legge le tue emozioni. Bisognerebbe farlo sempre, non solo in questo periodo di quarantena che siamo costretti a vivere in noi stessi al ticchettio del tempo.

cartolina 16×11 Pittura su carta

La notte è più rumorosa del giorno a causa del silenzio nelle strade delle nostre città.

Appena iniziata la quarantena ho spedito 3 cartoline alle mie sorelle dimostrando affetto e unione in questo periodo particolare di chiusura al mondo e a noi stessi, mettendo giù le mie emozioni di questo periodo, ma scrivendogli sopratutto

TI VOGLIO BENE.

Tutti abbiamo fatto telefonate e video chiamate in questo periodo,s anche le persone che fino a ieri erano ostili a internet. Ma immaginate l’idea di ricevere una cartolina, siamo abituati ormai soltanto a ricevere solo bollette, pagamenti, multe, pubblicità.

Chiudete gli occhi un attimo e immaginate una parola dolce che qualcuno ti ha inviato per posta.


Come ti sei sentito?


L’estate scorsa in Thailandia ho fatto delle cartoline, le ho spedite a molte persone, me la sono spedita anche a me, ed è stato bello ricevere posta colorata e con sentimento…è stato bello anche per le persone che hanno ricevuto, quel mio pensiero…l’emozione di un’istante, del profumo di un temporale, del profumo di posti lontani, di una tartaruga che vola in mare.

Il tempo è un concetto astratto, non si può pensare al tempo come a un qualcosa di fisso. Il tempo ti porta avanti e indietro continuamente come una clessidra, che capovolgi ogni volta che termini di fare qualcosa. Il tempo ha un impatto decisivo sul senso che diamo alla vita, i km che ci distanziano, la distanza che creiamo da vicini nella stessa città. Solo fermando il tempo si ha la consapevolezza di essere padroni della propria vita.

Il tempo è quello

che ciascuno di noi vive

nella propria coscienza.

Henri Bergson

Spesso diciamo: non ho tempo per la passeggiata, la lettura, la famiglia o altre mille cose. Il tempo va gestito meglio per evitare di avere rimpianti. Il rimpianto è la cosa più straziante che un essere umano può avere.

Impariamo a dire Ti voglio Bene. Ti Amo. Ma perchè no, anche Ti odio, alla fine è un sentimento, che ti porta a far riflettere nel profondo di te stesso e quella brutta parola, può diventare la svolta del tuo malessere.

Perchè odio questa persona? Cosa mi ha fatto? cosa mi ha detto?

Perchè si è comportato così? Perchè non mi parla?

I silenzi a volte perlano più delle parole, ma guardiamoci dentro e capiamo, analizziamoci.

Il tempo ti permette di riflettere su ogni parola, ogni dettaglio, ma stando attenti di non cadere nella trappola ce l’ha con me… Perché non è così. Sei tu che stai creando questo pensiero, ti distrae da quello che stai facendo per te stesso.

Le cose più difficili da dire, sono quelle più sofferte, più nascoste, più difficili da elaborare. Basta dire una volta “Ti voglio bene, ti perdono, Grazie“. Diventerà un’abitudine quasi da non poterne più fare a meno.

Il tempo passa lento, ti scandisce i minuti per fare di te una persona speciale. Se passasse troppo in fretta non goderesti della vita.

Quindi trova il tempo per te e per le persone che ami.

dedica tempo a TE stesso, scrivi una lettera alle persone che ami, loro ti ringrazzieranno.

Acquisto QUI o su ETSY

Categorie
la coscienza di paolo

Il Tempo – tic tac

Ricevi un messaggio da un amico:

Paolo guarda che cosa ho trovato in un cassetto, un tuo vecchio biglietto da visita.

0d4bb655-4fca-4609-8432-a5b9dab5436d

UH mamma, subito l’ho ringraziato. Proprio in quel momento stavo spremendo le idee per un nuovo lavoro artistico. La prima cosa che gli ho detto:  “sai stavo pensando al mio passato, al tempo che scorre che va via e chissà quanti errori ho commesso, errori che comunque mi hanno portato fin qui oggi a riflettere su queste cose. 

Leggo la frase sul bigliettino da visita, sotto in celeste Faccio quello che sento, non quello che mi chiedete.

Oggi posso dire che la frase non quello che mi chiedete era riferita a mia madre, che puntualmente mi chiedeva di fare, fare, fare e ancora fare senza insegnarmi il motivo per cui dovevo farlo. Non mi ha spiegato il senso della vita, dell’amore, del lavoro, non mi ha spiegato il senso del tempo. Tutto questo l’ho appreso da solo, passo dopo passo, giorno dopo giorno.

Quanta Ambiguità avevo un tempo, quanto ego, quanto narcisismo. Per certi aspetti non è una frase errata,  percorro la mia via seguendo il mio istinto. E’ bello ascoltare i consigli e trasformarli in nuovi concetti con l’aggiunta dell’esperienza accumulata negli anni.

Anche chiedere, aiuta a migliorare sé stessi in maniera costante. Non ho mai chiesto niente a nessuno, nè un favore,  un prestito, una bicicletta. Cercare aiuto non è una forma di sconfitta è semplicemente un rafforzare le proprie capacità.

L’altra cosa che mi ha fatto sorridere e riflettere è la scritta “artista” dopo il nome. Volevo affermare la mia identità ma messa tra virgolette, non ne davo valore. Ho messo  una parola per me importante,  identificata in  maniera errata, togliendo l’essenza e il privilegio che la parola stessa da. Non  mi stavo dando importanza. Mi sono svalutato per anni senza accorgermene, senza ascoltare i consigli, senza chiedere aiuto. Help!

E’ stato comunque un periodo bello, facendo mostre, creando e immaginando percorsi nuovi, Conoscenze magnifiche ma che non ho coltivato, non ho preso il loro sapere e non ho dato il mio sapere, insomma non ce stato uno scambio di emozioni. 

Ti ringrazio Tonio per la tua condivisione, mi ha fatto riflettere sul mio passato e sul futuro. Niente accade per caso.

Basta poco, sono questioni di milimetri, osservare gli accadimenti e proiettarli con consapevolezze e  determinazioni diverse.

Tommaso, se uno fa sempre quello che gli chiedono gli altri non vale la pena vivere

Dal film Mine Vaganti

Bisogna saper ascoltare, prendere spunto dalle persone che reputi mentori e trasformare questa conoscenza in nuove parole affinchè tu possa diventare la migliore copia di te stesso e non la copia di un altro.

Progetto – Il Tempo